Sab. Ott 19th, 2019

Solutionweb

Siti internet Vicenza e provincia

Local SEO Social Media e SEO

2 min read
White Hat SEO Black Hat

Local SEO Social Media e SEO

Local SEO

Una buona parte delle ricerche eseguite su Google mostra risultati per luoghi. L’ azienda di software SEO SEOmoz (ora soltanto Moz) ha effettuato un studio sul modo in cui gli utenti guardano la SERP di Google (pagina dei risultati del motore di ricerca ) ed ha rilevato che l’occhio gravita pesantemente verso le inserzioni Google My Business.

Per questo motivo, l’attività di ottimizzazione detta “Local SEO” ha oggi grande rilevanza. Esso si effettua attraverso l’ottimizzazione della pagina Google My Business – il servizio gratuito di Google a cui è necessario iscriversi per apparire nei risultati locali – che si effettua principalmente utilizzando regole simili al SEO “tradizionale”. Per il posizionamento local sono importanti anche altri fattori, come il numero di citazioni (presenza di NAP: nome azienda+indirizzo+telefono su altri siti e directory locali) e il numero di recensioni degli utenti.

Social Media e SEO

Se una pagina web ottiene molti “Mi piace”, commenti e condivisioni su Facebook, retweet su Twitter, +1 su Google+ etc., è segno che viene considerata e gradita dagli utenti, e quindi si potrebbe pensare che ciò determini un valore anche per i motori di ricerca. In verità, stando alle ultime dichiarazioni sul tema di Matt Cutts, ex portavoce di Google, i cosiddetti “social signals” (segnali sociali) non sono un fattore di ranking.

Tuttavia, l’implementazione di apposite API per facilitare la condivisione delle pagine sui social network (pulsanti di condivisione) e il corretto uso degli stessi social potrebbe contribuire in maniera indiretta all’ottimizzazione per i motori di ricerca, aumentando ad esempio la probabilità di ottenere link spontanei. E’ quindi cosa buona per chi fa SEO curare la presenza sui social network ed incentivare la condivisione delle pagine.

La questione relativa a Google+ ha creato non poca confusione, poiché alcuni sostengono che Google abbia un “occhio di riguardo” nei confronti del social network di sua proprietà, premiando chi lo utilizza. Anche se quest’ipotesi non è del tutto impensabile, non vi è alcuna evidenza dimostrata di una qualche relazione tra utilizzo di Google+ e miglioramenti nel posizionamento.

A partire dal 28 agosto 2014 Google ha deciso di eliminare l’authorship markup, pertanto non è più possibile far comparire la foto e il nome autore nei risultati di ricerca.

Copyright © Solutionweb All rights reserved.